ALBO SCOLASTICO
Ai sensi e per gli effetti dell’art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 e dell'art. 14 comma 7 del dpr 275/99 la piena conoscenza dei provvedimenti della scuola decorre anche dalla pubblicazione nell’albo online.
AVVISO 
ISCRIZIONI A.S. 2018/19


Avviso_iscrizioni_AS_2018_2019.pdf

______________

AVVISO
INIZIO A.S. 2017/2018
Si informano i Sigg. genitori che l’A.S. 2017/2018 prenderà avvio giorno:
- 4 Settembre 2017 per le sezioni nido, primavera ed infanzia;
- 11 Settembre 2017 per scuola primaria di I grado;
Nel link di seguito si riporta l’organizzazione oraria per ogni specifico ciclo scolastico Avvisi A.S. 2017/18
____________

07/08/2017
AVVISO
RICEVIMENTO SEGRETERIA


Si comunica che la segreteria rimarrà chiusa fino al 4 settembre 2017.
Per info: segreteria@istitutocusmano.it
 

ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA PER IL TRIENNIO 2016-19

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

VISTA la Legge n. 59 del 1997, che ha introdotto l’autonomia delle istituzioni scolastiche;

VISTO il DPR 275/1999, che disciplina l’autonomia scolastica;

VISTO il D.L.vo 165 del 2001 ed integrazioni;

VISTA la Legge n. 107 del 2015 che ha ricodificato l’art. 3 del DPR 275/1999;

CONSIDERATO CHE

1. Le innovazioni introdotte dalla Legge n. 107 del 2015, meglio conosciuta come La buona scuola, mirano alla valorizzazione dell’autonomia scolastica che trova il suo momento più importante nella definizione e attuazione del Piano dell’Offerta Formativa Triennale;

2. Le innovazioni introdotte dalla Legge n. 107 del 2015 stabiliscono che le istituzioni scolastiche, con la partecipazione di tutti gli organi di governo, provvedano alla definizione del Piano dell’Offerta Formativa per il triennio 2016-19;

TENUTO CONTO

• delle Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012;

PREMESSO CHE

• La formulazione della presente direttiva è compito attribuito al Dirigente Scolastico dalla Legge n.107/2015;

• L’obiettivo del documento è fornire indicazioni sulle modalità di elaborazione, sui contenuti indispensabili, sugli obiettivi strategici da perseguire, sulle priorità, sugli elementi caratterizzanti l’identità dell’istituzione scolastica, che devono trovare adeguata esplicitazione nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa, e sugli adempimenti che il corpo docente è chiamato a svolgere in base alla normativa vigente;                                                              

• Il collegio docenti elabora il Piano dell’Offerta Formativa (P.O.F) ai sensi dell’art. 3 del D.P.R. n° 275/99 e della L- n° 107/2015 che introduce il Piano Triennale dell’Offerta Formativa (P.T.O.F.), sulla base delle linee di indirizzo fornite dal Dirigente Scolastico;

• L’Offerta Formativa dovrà articolarsi tenendo conto non solo della normativa e delle Indicazioni Nazionali, ma anche del carisma della Congregazione, della visione e missione condivise e dichiarate nei POF precedenti, nonché del patrimonio di esperienza e professionalità che in tanti decenni di attività formativo-educativa hanno contribuito a costruire l’immagine della nostra scuola;

E TENUTO CONTO

Che l’Istituto Cusmano, dall’Infanzia alla Primaria, in continuità con il carisma della Congregazione, promuove, in uno sviluppo graduale, la formazione integrale della persona in tutti i suoi aspetti: corporei, cognitivi, affettivi, relazionali, estetici, spirituali. Una formazione volta, in prospettiva, ad una responsabilità verso sé e verso il mondo, ad una gestione consapevole della libertà e all’'assunzione dell’'alterità come ricchezza da condividere;

EMANA

il seguente ATTO DI INDIRIZZO rivolto al Collegio dei Docenti.

Preso atto che l’Istituto Cusmano si sta impegnando su due ambiti:

A. l’innovazione didattica, in riferimento soprattutto alla didattica per competenze e alla relativa valutazione;

B. lo sviluppo del sistema LS1 in tutti i livelli di scuola, sistema volto al potenziamento della padronanza della lingua inglese negli ambiti disciplinari;

il Dirigente Scolastico ritiene indispensabile che, nell’elaborazione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa, si tenga conto innanzitutto :

1. degli esiti dell’autovalutazione di Istituto e, nello specifico, delle criticità indicate nel Rapporto di Autovalutazione (RAV) e delle priorità, traguardi e obiettivi di processo individuati e delle piste di miglioramento che saranno sviluppate nel Piano di Miglioramento (di cui all’art.6, comma 1, del Decreto del Presidente della Repubblica 28.3.2013 n.80), parte integrante del Piano Triennale dell’Offerta Formativa;

2. dei risultati delle rilevazioni nazionale degli apprendimenti restituiti in termini di misurazione dei livelli della scuola e delle classi in rapporto alla media nazionale e regionale e , limitatamente ai dati di scuola, a parità di indice di background socio-economico e familiare.

INDIRIZZI GENERALI

· Pianificare un’OFFERTA FORMATIVA coerente con i traguardi di apprendimento e con i Profili di competenza attesi e fissati dalle Indicazioni Nazionali e dalle Linee Guida vigenti, con le esigenze del contesto territoriale, con le istanze particolari dell’utenza della scuola;

· Migliorare i processi di pianificazione, sviluppo, verifica e valutazione dei percorsi di studio (curricolo del singolo studente, curricolo per classi parallele, curricolo per ordine di scuola, curricolo d’istituto);

· Mantenere coerenza tra le scelte curricolari, le attività di recupero/sostegno/potenziamento, i progetti di ampliamento dell’offerta formativa, le finalità e gli obiettivi previsti nel PTOF al fine di assicurare unitarietà dell’offerta formativa;

· Finalizzare le scelte educative, curricolari, extracurricolari e organizzative al potenziamento dell’inclusione scolastica e del diritto al successo formativo di tutti gli alunni; alla cura educativa e didattica speciale per gli alunni che manifestano difficoltà negli apprendimenti legate a cause diverse, monitorando ed intervenendo tempestivamente (a partire da una segnalazione precoce di casi potenziali DSA/ BES);

· Favorire il potenziamento delle eccellenze e valorizzare il merito;

· Sostenere formazione ed autoaggiornamento rivolte al personale docente per il potenziamento della lingua inglese, per la diffusione dell’innovazione metodologico didattica e l’uso delle tecnologie digitali;

OBIETTIVI FORMATIVI E STRATEGIE

· Valorizzare e potenziare le competenze linguistiche mediante compresenza di esperto esterno madrelingua in tutti i livelli di scuola;

· Potenziare l’uso (specie nel curricolo di Matematica) di metodologie didattiche e prove di verifica correlate alle prove standardizzate nazionali;

· Potenziare le competenze matematico-logiche e scientifiche;

· Promuovere l’alfabetizzazione e il perfezionamento dell’italiano come lingua seconda attraverso corsi e/o laboratori per studenti di cittadinanza o di lingua non italiana;

· Sviluppare processi di insegnamento-apprendimento volti al coinvolgimento diretto e attivo degli alunni: non solo, pertanto, lezione frontale, ma anche apprendimento cooperativo, problem solving , lavoro di ricerca nel piccolo gruppo, discussione guidata, gioco di ruolo, riflessione metacognitiva su processi e strategie, tutoring , realizzazione progetto, transfer di conoscenze e abilità, compiti di realtà, didattica laboratoriale;

· Sperimentare, attraverso griglie ed altri strumenti, metodi valutativi efficaci per l’acquisizione delle competenze chiave e di cittadinanza;

· Curare l’ambiente di apprendimento inteso come: progettazione e costruzione della conoscenza; scoperta e piacere di apprendere insieme; relazione affettivamente significativa;

· Promuovere e sviluppare stili di vita sani;

·      Promuovere e sviluppare la crescita morale seguendo gli insegnamenti della Chiesa Cattolica ispirandosi al vangelo.

GESTIONE ORGANIZZATVA

• Sviluppare e potenziare il sistema di valutazione della nostra Istituzione scolastica, sulla base dei protocolli di valutazione autoprodotti o gestiti dall’Invalsi;

• Prevedere un sistema di indicatori di qualità e di standard efficaci per rendere osservabili e valutabili i processi e le azioni previste nel PTOF;

• Migliorare quantità e qualità delle dotazioni tecnologiche;

• Migliorare e sistematizzare i processi di osservazione e di misurazione degli apprendimenti degli studenti attraverso il confronto per classi parallele, per consolidare il forte nesso tra valutazione e curricolo d’istituto;

• Operare in una logica di continuità verticale nel passaggio da un anno di corso all’altro e da un livello all’altro;

• Implementare i processi di dematerializzazione e trasparenza amministrativa;

• Rendicontare i risultati;

• Potenziare gli accordi di rete con altre scuole paritarie e, se possibile, con scuole statali e promuovere convenzioni con enti pubblici e privati.

GESTIONE COMUNICATIVA E RELAZIONALE

• Operare per il miglioramento del clima relazionale e del benessere organizzativo;

• Migliorare il sistema di comunicazione, la socializzazione e la condivisione tra il personale, gli alunni e le famiglie delle informazioni e delle conoscenze interne ed esterne relative agli obiettivi perseguiti, le modalità di gestione, i risultati conseguiti;

• Promuovere la comunicazione pubblica, vale a dire l’insieme di attività rivolte a rendere visibili le azioni e le iniziative sviluppate dall’Istituto ed anche acquisire le comunicazioni/riflessioni degli stakeholders;

• Consolidare la gestione e aggiornamento del sito WEB.

Il presente ATTO DI INDIRIZZO è pubblicato sul sito web d’Istituto per essere reso noto a tutti i portatori di interessi del territorio, agli studenti e alle loro famiglie e a tutto il personale della scuola, in particolare al Collegio dei docenti.

Il Dirigente Scolastico Scuola Infanzia e Primaria

Suor Giovanna Borzellino

24 settembre 2015


 

 
Istituto Cusmano Scuola non Statale Paritaria - Via Giacomo Cusmano 43 - 90141 Palermo 
P.IVA 03905750828 
Follow us
  Site Map